giovedì 20 marzo 2014

L'Europa: l'Agenda Digitale e il modello di Controllo sui Paesi Membri. Funziona?




In uno degli ultimi eventi a cui ho partecipato (La giornata di Studio sulle Politiche Digitali per l'Italia) molti degli interventi riportavano indicazioni o riferimenti alla Scoreboard creata dalla commissaria Neelie Kroes come momento ultimo di monitoraggio sui progressi nella realizzazione delle 101 azioni  individuate come obiettivi da raggiungere dai vari Paesi.

Più e più volte ho pensato a quanto efficace sia, non tanto come strumento di visualizzazione o di condivisione delle informazioni, ma come strumento di controllo e sopratutto di enforcing al raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Funziona, mi chiedo? 
Quali "poteri" ha l'Europa, quindi la sua Commissaria, per far andare le cose nel verso indicato?

Vediamo cosa può fare l'Europa quando deve attuare controlli sugli obiettivi che si pone, questo vale sia per il più famoso Fiscal-Compact che per l'Agenda Digitale Europea.   


L'Europa e i suoi Controlli 

Quella del controllo è una questione piuttosto complessa quando si tratta di legislazione dell'UE e sopratutto su come vengono attuate le diverse politiche. 
Per iniziare, ci sono tre tipi fondamentali di legislazione dell'UE
  • regolamenti
  • direttive
  • decisioni 
In breve, un regolamento è simile a una legge nazionale con la differenza che è applicabile in tutti i paesi dell'UE. Le Direttive stabilite sono come regole generali che devono essere trasferiti nel diritto nazionale da ciascun paese come ritengono opportuno. Una decisione riguarda solo un particolare problema e le persone o le organizzazioni specificamente menzionati. 

La Commissione può anche formulare suggerimenti e opinioni, che non hanno carattere vincolante.
 
Se la Commissione ritiene che lo Stato membro (SM) non è conforme ad un regolamento / direttiva / decisione può avviare una procedura di infrazione , che potrebbe finire presso la Corte di giustizia dell'UE.
Oltre agli atti giuridici, la Commissione ha anche strumenti più morbidi per svolgere le sue politiche. Essa può emettere libri verdi , libri bianchi , avviare discussioni, fare studi, progetti di lancio ecc.
Per quanto riguarda l'Agenda Digitale Europea, che come sappiamo è costituita da 101 azioni , suddivise in sette colonne, che sono gli obiettivi. Per raggiungere gli obiettivi dell'Agenda Digitale diversi tipi di azioni sono intraprese dalla Commissione stessa, mentre altri, ovviamente, sono demandati agli Stati Membri.
Un obiettivo può essere l'adozione di una proposta legislativa o può essere quello di avviare una comunicazione o di uno studio condotto da un certo tempo. Il target non è necessariamente l'attuazione di una normativa.
Alcuni esempi della Digital Agenda Europea (DAE):
In azione 101 - Roaming - la Commissione ha adottato una proposta di regolamento relativo al roaming sulle reti pubbliche di comunicazione mobile su 6 lug 2011, entrato in vigore il 1 ° luglio 2012. (Abbiamo così raggiunto questo obiettivo).
Se la Commissione riceve una denuncia o comunque riconosca che uno Stato membro non conforme al presente regolamento si può avviare una procedura di infrazione.
Per esempio nell'azione 060 Promuovere una maggiore partecipazione delle giovani donne e le donne che rientrano nel settore delle TIC , la Commissione ha pubblicato uno studio e ha prodotto un toolkit. Un evento "Ragazze in ICT Day" è stato organizzato anche nel mese di aprile 2013 per puntare i riflettori sulla questione. (Target non raggiunta, ma in buono stato).
Ancora, per l'Azione 087 Comunicazione su "Una strategia per l'e-Procurement (Libro bianco sulla comunicanti capacità di e-procurement in EU) . Qui la Commissione ha adottato una comunicazione nel mese di aprile 2012, che definisce una strategia per rendere l'uso di e-procurement della regola nella UE entro la metà del 2016 (obiettivo raggiunto).
Il progresso di queste azioni è monitorato su base regolare. Viene aggiornato anche il  tabellone dove si può vedere visivamente progressi realizzati in diversi pilastri.
Sul portale si possono anche seguire i progressi in base al paese .

C'è da dire che il processo di aggiornamento di alcuni dati è demandato allo stesso Stato Membro, che è un come dire ad un alunno di mettersi i voti.

Inoltre il processo di moniroraggio non è molto rigoroso e quindi la risposta alla domada se il controllo funziona non può essere netta, ma la mia sensazione è che sia più verso il fallace che verso l'efficace.
Posta un commento