mercoledì 6 agosto 2014

La strategia bottom up, primo test. Funzionerà?




Si è tenuta ieri, come preannunciato da vari giornali, la prima riunione indetta dal Ministro Marianna Madia, la prima perché non sarà l'unica, infatti la prossima è già stata concordata per il 15 Settembre.
L'intento della riunione era, dico era perché dai primi commenti sembra che l'obiettivo alla fine sia stato tutt'altro, rilanciare l'Agenda Digitale con una metodologia Bottom UP. Infatti il ministro ha convocato vari rappresentanti dei Ministeri e rappresentati delle più importanti aziende-agenzie della PA.
Erano presenti: il ministro Madia, ovviamente, che ha introdotto la riunione ma dopo solo pochi minuti ha lasciato la riunione delegando alla guida il suo collaboratore su questi temi Paolo Coppola, Stefano Quintarelli, la nuova DG di AgID Alessandra Poggiani, che per inciso è stata presentata come tale, vari Ministeri tra i quali Giustizia, MISE, il MEF con suoi 3 responsabili ICT e le sue tre agenzie, Interni, Difesa, Esteri, Trasporti, Salute, Miur ed anche i Carabinieri. Presenti anche la Consip, Sogei, Inail, ma forse le presenze più inusuali erano Cottarelli, ma quando si tratta di spending review ancora è lui l'uomo giusto, Gutgeld consulente per i temi economici del Premier. C'è da dire che sia Cottarelli che Gutgeld hanno lasciato la riunione dopo poco.
Ora andiamo sui contenuti, il vero obiettivo lo enuncia Coppola: "progetti di razionalizzazione processi, ma soprattutto, portate proposte di spending review". Ed è su queste ultime due parole che il focus è alto.
Non mancano certo altre proposte, Min. Giustizia ricorda l'avvio del processo civile telematico che porta 40 Mi€ di risparmio. Consip ribadisce il tema fondamentale della Trasformazione Digitale, ma soprattutto andare oltre ICT, passando per il Patto per la Sanità Digitale, inoltre rammenta che dei 16Mld di gare aperte 8 sono per l'Agenda Digitale. Il MISE parla del TELELAVORO per ottenere risparmi ecc.
Infine l'atteso intervento di A.Poggiani, DG di AgID, che propone 4 ambiti di collaborazione AgID e PA Centrali.
1. Razionalizzazione spesa. Razionalizzazione strutture. Ricaduta su spesa locale.
2. Processi. Collaborazione e integrazione, generano risorse.
3. Programmazione comunitaria. Coordinamento POR regionali.
4. Crescita economica

Il nuovo DG di AgID, nell'ambito della razionalizzazione della spesa, suggeriva di creare un osservatorio della spesa ICT, (ricordate? spending review come primo obiettivo) peccato che abbiamo già AVCP, oltre che l'ANAC, e non dimentichiamo Assinform che non fa proprio questo mestiere ma…
Certo questo non è tutto, ma è quanto basta per farsi un idea del metodo Bottom UP.
Un successo? Il primo impatto, sicuramente superficiale, non lascia trasparire una strategia precisa, una guida puntuale ed obiettivi precisi, sebbene da affinare. Non ci resta che aspettare.
Si, aspettiamo ancora, aspettiamo il 15 settembre. E poi?

 
Posta un commento