venerdì 12 dicembre 2014

Europa e Agenda Digitale: gli Eurodeputati fanno nascere l'Intergruppo sull'agenda digitale europea


In italia abbiamo già il nostro Intergruppo parlamentare per l'innovazione tecnologica, ovvero Deputati e Senatori impegnati per favorire lo sviluppo tecnologico dell'Italia, che si sono raggruppati in questo intergruppo indipendemente dalla loro appartenenza politica. Ora anche l'Europa ha il suo Integruppo.

Infatti più di 70 deputati oggi hanno istituito un gruppo interparlamentare che lavorerà sull'Agenda digitale per l'Europa. Tra i fondatori dell'Intergruppo sono Michał Boni (PPE), Josef Weidenholzer (S & D), Marietje Schaake (ALDE) e Julia Reda (Verdi / ALE). Tutti sottolineano la necessità di un approccio integrato per favorire il mercato digitale e discutere il futuro delle tecnologie e di Internet aperto.

Cross-partito e cross-nazionalità

L'intergruppo sull'Agenda digitale è una rete informale di deputati del Parlamento europeo, trasversale ai partiti e cross-nazionalità, che sono interessati a tecnologie digitali e di come possa beneficiarne la società. "Riconosciamo il profondo impatto che le tecnologie digitali hanno sulla vita delle persone. Vogliamo assumere un ruolo attivo nella definizione che l'impatto e le politiche intelligenti, migliorando la conoscenza del funzionamento e l'impatto delle tecnologie ", afferma Schaake (ALDE). Weidenholzer (S & D), aggiunge: "Il mercato unico digitale offre grandi opportunità. Questo intergruppo si adopererà per le politiche che realizzano il potenziale garantendo le normative sulla protezione dei dati e dei diritti dei cittadini europei. "

Secondo Reda (Verdi / ALE), l'agenda digitale non è una nuova o separata politica. "Si tratta di adempiere compiti fondamentali di governo in modi moderni e in circostanze mutevoli - come dare potere alle persone e garantire la partecipazione equa nella nostra società. Se il progresso è a beneficio di tutti gli europei e serve a migliorare la nostra democrazia,le questioni digitali devono essere considerate tra i settori legislativi e nelle linee di partito, come faremo in questo intergruppo. La nuova Commissione europea ha altresì messo le questioni digitali al centro - l'Intergruppo servirà come forte controparte del Parlamento ".

Mercato Unico Digitale

Attualmente, le istituzioni europee stanno preparando una legislazione per creare un mercato unico digitale. Rimuovere inutili barriere nel mercato delle telecomunicazioni e l'armonizzazione delle leggi sul copyright sono importanti per molte industrie e per l'economia europea nel suo complesso. Attraverso l'organizzazione di eventi e scambi di opinioni, l'Intergruppo cercherà di promuovere lo sviluppo delle più intelligenti, più rilevanti politiche dell'UE che promuovano i diritti fondamentali, la prosperità, l'apprendimento e la partecipazione.

"Se vogliamo evitare la deriva in Europa, abbiamo bisogno di usare tutti i driver digitali per lo sviluppo, avviare il dibattito serio con tutte le parti interessate, pensare in termini olistici e accelerare l'attuazione del mercato unico digitale", dice Michał Boni (EPP).



Testo liberamente tradotto da questo sito
Posta un commento